L’ultima farfalla di Michael Phelps

Michael Phelps saluta il nuoto con l’ultima farfalla. Il nuotatore statunitense da tempo aveva annunciato il ritiro «voglio godermi la vita» aveva detto, «voglio vedere i posti dove sono stato come atleta, ma che non ho mai potuto visitare». Ovazione del pubblico dell’Aquatic Center di Londra al momento della medaglia, la sua 22esima medaglia olimpica, 18 di queste d’oro, e non poteva essere altrimenti. Liberato dalla cuffia nera, lo squalo di Baltimora, alza le braccia, saluta il pubblico con le mani e sorride. E’ il definitivo addio.

LE SUE MEDAGLIE: ATENE 2004 – Con la staffetta 4×100 mista questa sera Phelps ha raggiunto 22 medaglie olimpiche, la sua prima medaglia l’ha invece ottenuta ad Atene (2004) nei 400 misti, non solo li vinse ma realizzò il record del mondo: 4:08.26.

Il giorno seguente arriva terzo con la staffetta 4×100. Michael raggiunge un altro bronzo in quella che molti hanno definito “La gara del secolo”, nei 200 stile libero davanti a lui Ian Thorpe, il suo idolo, e Pieter van den Hoogenband.

Atene darà a Phelps altre 5 medaglie e tutte d’oro: vincerà in successione i 200 farfalla, battendo il record olimpico di Tom Malchow con 1:54.04. Circa un’ora dopo sarà oro nella staffetta 4×200 insieme all’amico-rivale Ryan Lochte. Oro ancora nei 200 misti e 100 farfalla. Chiude l’esperienza greca con un oro nella 4×100 mista. All’epoca aveva ancora 19 anni e riuscì a tornare in America con 6 ori e 2 bronzi.

PECHINO 2008 E GLI 8 ORI – E’ stato l’uomo dei Giochi, l’uomo che è riuscito a battere il record di Mark Spitz (8 medaglie d’oro in una sola Olimpiade), che vigeva dal 1972.
La prima medaglia è arrivata con i 400 misti, successivamente è arrivata quella con la staffetta 4×100 stile libero.

Il terzo oro giunge con i 200 stile libero e con questa gara diviene il quinto atleta olimpico a vincere nove medaglie d’oro, raggiungendo Mark Spitz, Larisa Latynina, Paavo Nurmi e Carl Lewis.
I 200 farfalla gli porteranno la quarta medaglia dorata, nella stessa giornata arriva anche la quinta con la staffetta 4×200. Il sesto oro, nei 200 misti, viene con un record 1:54.23. Tensione in acqua per la settima medaglia d’oro, Phelps vince i 100 farfalla con un scarto di 0.01 secondi sul secondo classificato: Milorad Cavic, che protestò ferocemente per quella medaglia.

L’apoteosi il nuotatore statunitense la raggiunge il 17 agosto 2008 con la staffetta mista 4×100. E la commentò così: «I record sono fatti per essere infranti, indipendentemente dalla loro importanza. Ognuno può raggiungere gli obiettivi che si pone: io per esempio ho sempre voluto essere il primo Michael Phelps, non il secondo Mark Spitz. Con questo non voglio sminuire quello che ha fatto. Il suo record è fantastico e resterà per sempre nella storia del nuoto e delle Olimpiadi. E’ straordinario avere la possibilità di confrontarsi con un tale primato. L’ho sempre ammirato e mi sono sempre detto: lo voglio fare anche io».

LONDRA 2012: L’ADDIO – Si congeda con 6 medaglie conquistate nei suoi ultimi Giochi Olimpici, di cui 4 oro e battendo altri due record. Prima però viene battuto da Lochte e arriva quarto nei 400 misti e per la prima volta fallisce un appuntamento olimpico. La stessa notte (28 luglio) conquista l’argento con la staffetta 4×100 stile. Il 31 luglio è ancora argento nei 200 farfalla, davanti a lui Chad Le Clos, ma si rifà immediatamente con l’oro nella 4×200 stile libero. Quella notte batte il record delle 18 medaglie conquistate, apparteneva a Larisa Latynina, Phelps ne fa 19.

Il 2 agosto 2012, Phelps batte l’amico-rivale Ryan Lochte ed è diventato anche il primo nuotatore maschio a vincere lo stesso evento in tre Olimpiadi consecutive. In conferenza stampa i due hanno parlato della loro ultima gara insieme «Michael – afferma Lochte è uno dei più grandi nuotatori di tutti i tempi e sono felice di aver fatto parte della sua squadra e al tempo stesso di avervi nuotato contro. E ‘qualcosa che si conserverò per il resto della mia vita».

Ha ripetuto la tripletta – vale a dire di vincere lo stesso evento in tre Olimpiadi – la sera successiva, conquistando la medaglia d’oro nel 100 farfalla, il suo ultimo evento individuale.
«Questa è stata la mia ultima gara individuale» ha detto Phelps, fuori dall’acqua. L’americano, 27 anni, l’ha ripetuto spesso. Da oggi poi non indosserà più il costume USA né tantomeno gli occhiali o una cuffia. E l’ha detto con il sorriso sulle labbra di colui è che contento e soddisfatto della sua carriera. Di colui che è senza rimpianti.

Sabato 4 agosto la parola fine. Nella piscina di Stratford il 27enne Michael Phelps conquista l’ultimo oro, il 18esimo, l’ultimo trionfo con la 4×100 mista. Londra, il nuoto e gli appassionati di sport salutano il nuotatore più forte di tutti i tempi. Fa strano pensare che non lo rivedremo in acqua, che non potremmo più stropicciarci gli occhi per i suoi record. Quei record però sono oramai scritti nella storia. Goodbye Michael.

Così lo saluta anche il suo miglior amico Ryan Lochte

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...