DAY #1: NEW BEGINNING

StartA volte dobbiamo resettarci per ripartire e volte, dobbiamo ripartire da zero.

Oggi è il primo giorno per dar vita a una nuova me… mi do 365 giorni per migliorarmi e magari maturare ancora di più.
Ho la fortuna di dire che di non aver rimpianti, nemmeno dei miei errori però a volte gli errori sono talmente tanti che è il caso di fermarsi, riflettere, chiedere agli amici più cari e cambiare pagina.
Gli ultimi mesi sono stati faticosi, duri da affrontare sopratutto da sola…
L’esperimento Tinder come ben sapete è miseramente fallito… ma d’altronde… cosa si poteva pretendere da un’applicazione! Avevo però bisogno di evadere e non far pensare troppo la mia testa e se posso nemmeno il mio cuore… però è così dannatamente dificile imporsi di non amare chi si ama.

Giovedì scorso però mi hanno sparata. Non è servito a niente riparare il sabato… mi hanno calpestata e presa a calci… e io, io non lo meritavo. Non meritavo di venir denigrata, non meritavo giustificazioni e altre bugie… perchè chissà quante me ne hanno raccontate. L’amore può finire, affievolirsi, non esistere affatto, ma si deve rispetto. Sono però ancora tanto stupida da continuare ad amare… vorrei poter cancellare quello che provo… magari lo farà il tempo. Vorrei poter essere più forte e invece sono qui davanti a un monitor con gli occhi pieni di lacrime…e mi si appannano gli occhiali! Porca paletta.

Sono quattro giorni che mi sveglio con l’ansia. Sono quattro giorni che vivo con attacchi di panico. Un’altra volta. Un’altra volta loro. Ho rinunciato a me, tutto a quello che mi piace fare sacrificandolo per gli altri…
Mi sono sempre sentita inadeguata, sempre al di sotto, sempre paragonata a… e forse ho perso quello che di buono avevo. Ho perso me stessa e il mio mondo complicato.
Non sono una persona semplice. Sono testarda, gelosa, folle, a volte infatile, curiosa e passionale e potrei proseguire. Ho una cesta di difetti… ma sono i miei difetti. E mi sono sempre piaciuti. Ci sono sempre andata d’accordo. Mi sono ritrovata a fare la vittima, a sentirmi osservata e giudicata oltre il normale… e così ho perso i miei colori! Adesso non so più di che colore sono.

End
E’ per questo che voglio ripartire da me. Dai miei hobby, dai miei amici e da qualche conto in sospeso. Quel giovedì, quel 28 aprile si è palesata una possibilità. Il fatto che io ami… non dovrà ostacolarmi, questo dolore sparirà. Si appassirà… un’amica molto saggia una volta mi ha detto: “a volte le persone si ritrovano, ma solo dopo che si sono perse veramente”. Ahimé, questo non è il mio caso.

E allora perdiamoci.. perdiamoci nel riscoprire me, perdiamoci nel vivere la mia vita e non cercando di farla quadrare (spesso inutilmente) con quella degli altri.

E’ tempo di respirare e probabilmente all’inizio con l’aiuto di bombole d’ossigeno… ma l’obiettivo sarà godermi questi 365 giorni. Mi sono svegliata… e allora wake up and move on!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...